Attualmente sei su:

Cerca nel Sito

Applicazioni

Partendo dal presupposto che il corpo sia contenitore e strumento espressivo di vissuti emozionali, l'attività di ricerca che ha dato origine alla teoria Metacorporea si è anche concentrata sulle modalità di espressione dell’essere umano che vengono definite indirette, prendendo ad esempio in considerazione:


  • I segnali corporei e l'incidenza di memorie cellulari, ricordi prenatali o ancestrali;
  • L'abbattimento delle barriere emotive;
  • Lo sviluppo delle caratteristiche percettive, empatiche e sensoriali;
  • Gli aspetti bioenergetici e transpersonali del respiro.


Le componenti immaginative e gli stati di coscienza ampliata


Il modello Metacorporeo considera la complessità dell’individuo e la unità dei vari sistemi e sottosistemi che lo compongono e quindi la sua area di intervento è per definizione molto ampia e si estende dall’ intervento individuale a quello di coppia o di gruppo con il valore aggiunto che all’interazione verbale si aggiunge la componente espressiva corporea.


I contesti possono riguardare:

 

 

  • la crescita personale e la espressione emozionale
  • lo sviluppo di competenze e la motivazione profonda
  • la gestione dello stress e la prevenzione del burn – out
  • la gestione del disturbo post traumatico da stress
  • le manifestazioni psicosomatiche e squilibri energetici
  • la relazione con se stessi o con gli altri (nella coppia, nel lavoro, nel sociale)
  • i vissuti percettivi invalidanti

 

CONTESTI APPLICATIVI


Metacorporea e disagio esistenziale


Mai come in questo momento storico vi è una cosi ampia richiesta di aiuto e sostegno nel affrontare una vasta gamma di disagi esistenziali che affliggono persone e che normalmente non vengono presi in considerazione da nessuno specialista e ancora meno da alcuna struttura. Queste persone hanno prima di tutto bisogno di una forma di ascolto non giudicante, di ricollocazione del problema e di comprensione empatica per riuscire a ritrovare equilibrio , spunti e motivazioni.


Disagi come quelli indicati sopra danno spesso origine ad una serie di somatizzazioni di difficile identificazione clinica, frequentemente ripetitive o mutevoli. La metacorporea attraverso la sua profonda attenzione alla connessione che c’è fra corpo ed emozioni, e grazie ai suoi esercizi e alle sue modalità può essere un grande aiuto alla chiarificazione e comprensione di disagi che si scaricano sul corpo stesso.

 

Metacorporea e famiglia


Genitori e figli sono incentivati a ritrovare forme di comunicazione più evolutive nel rispetto dei singoli ruoli e all’interno di un sistema famiglia che spesso deve essere ricostruito su basi e forme comunicazionali diverse. Non dimentichiamo che il corpo è spesso un amico per i bambini e un nemico per gli adolescenti in quanto teatro delle loro battaglie, delle loro emozioni e delle loro rivendicazioni e che un approccio come quello metacorporeo ben si colloca in questo tipo di vissuto emotivo.


Metacorporea e coppia


La comunicazione corporea (intimità) è la prima cosa a vivere delle difficoltà a addirittura a venire meno in situazioni di crisi di coppia.
Così come frequentemente i disagi relazionali si scaricano sulla sessualità, sulla sfera del desiderio erotico, sulle componenti pulsionali e/o su quelle legate alla sfera del piacere. La metacorporea attraverso la sua doppia visone del corpo sia come strumento di accesso alle emozioni sia come strumento di espressione delle stesse, per il solo fatto di sviluppare una maggior consapevolezza delle emozioni collegate alla sfera corporea ha spesso dato prova di costituire un valore aggiunto sia se utilizzato da solo sia se come pratica che integra altri approcci.



Metacorporea e trauma


E’ risaputo che avere vissuto o a volte anche solo assistito ad eventi a forte impatto emotivo genera una rispsta non solo emotiva e psichica ma anche corporea al trauma.
Per questo la metacorporea, operando a livello somato – psichico, può anche essere uno strumento perfettamente utilizzabile in contesti emergenziali o post emergenziali. Il concetto di base è normalizzare la curva energetica per sviluppare maggiore capacita di “resilienza”.


Esempi classici sono le catastrofi naturali, gli attentati , le rapine, gli incidenti che se opportunamente gestiti anche attraverso le tecniche metacorporre possono risultare fondamentali per prevenire l’insorgere di un PTSD ( Post Traumatic Stress Disorder) ovvero disturbi post traumatici da stress, che possono determinare una serie di risposte psicologiche, somatiche o comportamentali anche fortemente invalidanti per la vita di un individuo.


Metacorporea e motivazione (Coaching)


Esercizi metacorporei adatti ed adattati possono determinare un significativo abbassamento dei livelli di stress, sempre più alti per i ritmi e i tempi imposti dalla situazione socio-economica. Questa pratica inoltre, nel momento in cui avviene in gruppo, anche per alcune sue componenti ludiche oltre che introspettive può contribuire ad una significativa diminuzione della conflittualità interna in strutture organizzate (aziende, equipe di lavoro) ad un miglioramento dello stato di salute del singolo e del sistema in cui esso è inserito, con conseguente aumento della motivazione e della produttività.

In ambito individuale, la Metacorporea diventa una filosofia molto vincente nell'ambito del Coaching, poichè permette di creare ancore corporee nella Persona, che non solo fa esperienze vincenti sul piano cognitivo, ma "sente" il proprio essere vincente anche nel corpo, con un innalzamento notevole della motivazione e della voglia di raggiungere l'obiettivo.